Melone: gusto e freschezza nel mese più caldo

Melone: gusto e freschezza nel mese più caldo

Melone: gusto e freschezza nel mese più caldo.

Con la sua polpa dolce, succosa e rinfrescante, il melone è decisamente il frutto adatto per questo caldo luglio.

 

Ma non è solo buono…ora ti svelo tante altre qualità!

Di cosa è ricco il melone?

  • Potassio, minerale più abbondante, seguito da fosforo, calcio e magnesio
  • Vitamina A, fondamentale per il benessere della pelle, degli occhi e del sistema immunitario
  • Vitamina C, principale scudo antiossidante del nostro corpo
  • Folati, fondamentali in gravidanza per la crescita e le funzioni cerebrali del bambino
  • Vitamina K, utile alleata nel metabolismo delle ossa 
  • Carotenoidi, come il beta carotene e la luteina, pigmenti con importanti funzioni antiossidanti e protettive 
  • Adenosina, una molecola che aiuta a mantenere fluido il sangue
  • Cucurbitacine, molecole dalla spiccata attività antinfiammatoria

10 buoni motivi per mangiare il melone

  • Remineralizzante per l’alta concentrazione di acqua, potassio e altri sali, fondamentali in questa stagione
  • Depurativo, aiuta il fegato a smaltire le tossine che ogni giorno si accumulano nel nostro corpo
  • Diuretico, grazie all’abbondanza di acqua e potassio, contrasta la ritenzione idrica che spesso si aggrava col caldo
  • Leggermente lassativo, per la presenza di zuccheri e fibre che favoriscono il transito intestinale
  • Antiage grazie all’abbondanza di antiossidanti che neutralizzano la produzione di radicali liberi e prevengono l’invecchiamento cellulare
  • Regolatore del colesterolo. I fitonutrienti riducono l’ossidazione del colesterolo LDL, fenomeno che lo rende “cattivo” e pericoloso per la salute
  • Protettivo del sistema cardiovascolare, grazie all’azione combinata di più protagonisti. Gli antiossidanti, che mantengono le arterie in salute, le cucurbitacine, antinfiammatori naturali che prevengono tante patologie cardiache e l’adenosina, che contrasta la formazione di coaguli di sangue svolgendo un’azione preventiva nei confronti di ictus, angina pectoris e infarto. Il potassio, infine, contribuisce a ridurre il rischio di ipertensione
  • Amico della pelle, grazie all’abbondanza di pigmenti come il betacarotene che stimolano la produzione di melanina favorendo una sana abbronzatura, mentre la vitamina C mantiene la pelle elastica e tonica. Idratante e lenitivo, il melone è utile anche se abbiamo esagerato col sole
  • Amico dei denti e delle ossa. Grazie alla presenza di calcio, fosforo e vitamina K, è un ottimo rimedio naturale contro l’osteoporosi
  • Ipocalorico, con sole 34 kcal su 100 g, ma…è costituito principalmente da acqua e zuccheri semplici, altamente assimilabili.

Melone: quando prestare attenzione

Anche il melone, come molti alimenti, può avere degli effetti collaterali. Per questo è meglio non esagerare se ti trovi in determinate condizioni:

  • Squilibri glicemici
    Gli zuccheri presenti nel melone fanno salire rapidamente la concentrazione di glucosio nel sangue, tanto che l’indice glicemico stimato, pari a 60, è considerato elevato. Pericolo di iperglicemia? Si e no. Ricorda infatti che rispetto al solo indice glicemico è più importante il carico glicemico complessivo del pasto, che tiene conto anche delle quantità che si consumano. Se stai seguendo una dieta ipocalorica o se hai problemi nella gestione degli zuccheri, puoi comunque concederti una porzione media di melone, pari a 150 g (2, massimo 3 fette), possibilmente abbinata ad altri alimenti funzionali alle tue esigenze 😉

 

  • Problemi digestivi
    Se hai una digestione lenta, l’elevata quantità di acqua del melone può diluire i succhi gastrici, rallentando ulteriormente il lavoro degli enzimi digestivi. Inoltre, la presenza di molecole come le cucurbitacine può renderlo poco digeribile per alcune persone a cui “torna su”… un po’ come il cetriolo e l’anguria, appartenenti infatti alla stessa famiglia delle cucurbitacee.

 

  • Colite
    Se soffri di pancia gonfia e colite, soprattutto nella variante diarroica, il melone potrebbe essere poco indicato per il suo effetto lassativo. Presta attenzione, quindi, se non vuoi rischiare di correre in bagno dopo un’abbuffata!

 

  • Squilibri elettrolitici
    Il melone presenta un rapporto sodio/potassio sbilanciato a favore di quest’ultimo. Se esageri con le quantità, si possono creare squilibri elettrolitici, con fastidiosi crampi e problemi gastrointestinali. Ancora più attenzione alle scorpacciate di melone se già assumi determinati farmaci antiipertensivi o anticoagulanti.

 

  • Allergie
    Conoscevi l’allergia al melone? Alcune persone predisposte possono avere edema, quindi gonfiore alla gola e alle labbra, nausea, vomito, dermatiti, dopo massimo un’ora dal contatto col frutto. Questa allergia spesso si manifesta in modo incrociato con le più comuni allergie alla pesca, alle graminacee e ai pollini, soprattutto di betulla, fenomeno conosciuto come cross-reattività. In questi casi, ovviamente, opta per altri tipi di frutta.

Melone: abbinamenti intelligenti

Per le sue caratteristiche organolettiche, il melone si presta ad abbinamenti di vario tipo, come ingrediente protagonista di piatti freddi o di gustosi snack.

Ecco alcune idee:

  • Prosciutto e melone: un rito della tradizione italiana, che mette quasi tutti d’accordo. La dolcezza del frutto, ricco in potassio, compensa il gusto salato del prosciutto, ricco in sodio, creando un connubio ideale anche dal punto di vista glicemico. Una bella insalata di accompagnamento con un pugno di rucola, ben condita con olio extravergine di oliva ed il piatto freddo è servito!
  • Valeriana, melone e feta greca. Anche in questo caso, dolcezza e sapidità sono perfettamente bilanciate, fornendo tutti i nutrienti per un pasto completo ed appagante. In alternativa alla feta puoi usare anche un formaggio caprino più morbido.
  • Insalata con spinacino, melone, noci e parmigiano. Un piatto fresco e nutriente, con le proteine nobili del parmigiano ed i grassi buoni delle noci, addolcito e completato dal sapore del melone
  • Melone e frutta secca. L’abbinamento con noci, mandorle, nocciole o anacardi permette di fare un bel carico di sali minerali, vitamine, antiossidanti e grassi, per uno spuntino gustoso e molto saziante
  • Melone e yogurt bianco, anche greco. Questo snack è particolarmente indicato se sei a dieta e può esserti utile anche prima di un allenamento vigoroso. 

 

Il mio snack preferito è con yogurt, melone a cubetti e pinoli, con una spolverata di cannella!

Come scegliere il melone perfetto: 5 trucchetti pratici

Prima di salutarti voglio darti cinque suggerimenti per scegliere il melone perfetto. Noi a casa abbiamo sempre fatto così!

  • Il melone deve essere pesante, più pesa più sarà ricco in polpa
  • Deve “suonare a vuoto”
  • Il picciolo si deve staccare senza troppa fatica
  • La buccia, soda e integra, deve piegarsi solo leggermente al tatto
  • Deve avere un profumo intenso ma non troppo forte, altrimenti vuol dire che è già avanti con la maturazione. 

Conoscevi questo metodo? Spero di averti dato delle dritte utili…per goderti al meglio il tuo momento di freschezza e gusto 😉